Skip to content

Scale interne, per una posa a regola d’arte

by on May 20, 2013

scale interneNell’ambito di un’abitazione le scale interne hanno un’importanza capitale: per la salita dal piano terra ai piani superiori, e per la discesa ai piani inferiori non esistono mezzi più pratici e sicuri delle scale interne. Gli ascensori sono più comodi, ma non potranno mai sostituire né tanto meno annullare la funzione delle scale nell’economia di un’abitazione, che sia a uso residenziale o che si tratti di un luogo pubblico o di lavoro.

Le scale interne ideali devono essere comode, disposte in un luogo e in una posizione conveniente per l’accesso dalle varie posizioni previste. Il progettista si occuperà dell’ubicazione e della posizione, mentre il capomastro deve sovraintendere all’esecuzione pratica delle scale interne, prendendo in considerazione le forme e i tipi usati più comunemente, come quelle – ad esempio – in cui i gradini sono appoggiati in pieno sulla muratura, oppure su una soletta in cemento armato, passando per quella a sbalzo per finire nella tipologia della scala a chiocciola, che necessita di uno spazio più limitato.

Le gradinate delle scale interne, nel caso non siano costituite dalla muratura stessa oppure da blocchi di pietra sovrapposti, vengono realizzate appoggiando le lastre lavorate a gradino sopra la muratura piena, oppure al di sopra di appoggi laterali. C’è da notare che le scale interne non sempre sono realizzate sopra dei due appoggi ai lati degli scalini; più raramente vengono eseguite anche a sbalzo, in modo che ciascuno scalino delle scale interne funga da mensola. È invece definitivamente abolito il vecchio metodo che consiste nel far sorreggere la scala dai muri fino alla sommità della stessa, cosa che comportava il sacrificio di spazio e luce.

Per la posa degli scalini, nelle scale interne a sbalzo, dato che la mensola funziona come tale solo quando il muro di appoggio è sovraccaricato, bisogna necessariamente disporre un appoggio provvisorio, che sia formato da una orditura in legno, da un travetto sottostante agli scalini, e da tiranti che li mantengano uniti tra di loro. Il travetto deve essere disposto secondo l’inclinazione delle scale interne, e deve essere dotato di un elevato grado di robustezza.

From → Scale

Comments are closed.

%d bloggers like this: