Skip to content

Tasse sul lavoro, verso una riduzione?

by on April 29, 2013

ufficioSi è discusso tanto in questi ultimi anni di crisi economica travolgente su riforme, soldi, tasse ma, come spesso accade, quasi nulla si è mosso o è successo. Parliamo di lavoro, il punto che dovrebbe essere prioritario per qualsiasi agenda di qualsiasi consiglio dei ministri. Il Bel Paese, come sappiano sta vivendo una situazione drammatica per quanto riguarda l’occupazione, ma quali sarebbero le misure più importanti da intraprendere per molti?

Tutti i cittadini, e non solo, parlano di misure concrete, non di riforme o parole al vento dei pariti politici. Ora il Paese ha bisogno di operatività, fatti che ridimensionino la mostruosa burocrazia che si alimenta costantemente come un parassita attaccato a una bestia sofferente. Da pochi giorni l’Italia ha un governo politico, i cittadini aspettano di vedere cosa succederà.

In tanti, nel frattempo, auspicano che vengano ridotte le tasse sul lavoro (che sia occupazione da scrivania, da agricoltore o quanto altro): come tutti sanno, infatti, la riforma Fornero non è riuscita a sostituire contratti a tempo determinato e indeterminato con un contratto unico, cioè non ha riformato il mercato del lavoro.

Il risultato paradossale è che oggi assumere è diventato un po’ più difficile. I contratti a tempo determinato non sono certo l’ideale, ma sono meglio della disoccupazione. Bisogna cancellare le norme che dallo scorso anno li hanno resi più complicati.

From → Lavoro

Comments are closed.

%d bloggers like this: